+39 05471796238

La procedura per richiedere la modifica la modifica e/o la revoca dell’assegno stabilito nella sentenza definitiva di separazione giudiziale o concordato in sede di separazione consensuale è disciplinato dall’art. 710 c.p.c., il quale recita che “le parti possono sempre chiedere (…) la modificazione dei provvedimenti riguardanti I coniugi e la prole conseguenti la separazione”. Il procedimento segue il rito camerale e non il più lungo procedimento cognitivo ordinario.

Il decreto conclusivo della procedura è reclamabile in Corte d’appello, mentre il decreto con cui la corte territoriale decide in camera di consiglio in merito al reclamo è ricorribile in Corte di Cassazione ex art. 111 Costituzione.

In merito ad eventuali accordi precedenti fra le parti modificativi non sottoposti all’autorità giudiziaria essi non valgono come titolo esecutivo, non essendoci una omologazione.